È COSÌ CHE TI AMO!

Come dimostriamo ai figli il nostro amore?

 

Nel libro e in un articolo che ho scritto qualche mese fa (e che puoi leggere qui: http://www.genitorialcontrario.it/ecco-come-ho-scoperto-perche-listinto-di-mamma-e-cosi-fondamentale-per-la-salute-dei-nostri-figli/), ho parlato di quanto sia importante per i bambini sentirsi amati e quanto incida sul loro benessere anche in età adulta.

Ma come dimostriamo ai nostri bambini il nostro amore?

Proviamo a metterci nei loro panni, di cosa hanno bisogno?

Penso che queste possano essere le loro richieste:

giocaconme

 

Cosa si aspettano da noi?

Amore e affetto.

Sembra una cosa ovvia, ma non sempre ne doniamo abbastanza presi dagli impegni della vita quotidiana.

Un abbraccio in più, una stretta forte forte, un bacione sulla fronte possono fare la differenza e farlo sentire amato e a sua volta sarà in grado di fornire affetto a chi gli sta intorno, fratellini compresi!

Le coccole non devono mai mancare, parole dolci sussurrate o un “ti amo” urlato al vento!

Ogni giorno dobbiamo dirgli che lo amiamo.

Ieri mattina appena sveglia sono rimasta con i miei tre cuccioli nel lettone a farci le coccole. Ho chiesto loro se sanno quanto li amo. Mi hanno risposto i più grandicelli: “Si, ce lo dici tutti i giorni, ci ami all’infinito!” A quel punto ho pensato, sì belle parole, ma loro hanno il concetto di infinito? Allora sono andata sul pratico e ho così proseguito:

“Avete presente quanto è grande una macchina? Di più!”

“Avete presente quanto è grande una camion? Di più!”

“Avete presente quanto è grande una camion con rimorchio? Di più!”

“Avete presente quanto è grande una casa? Di più!”

“Avete presente quanto è grande un palazzo? Di più!”

“Avete presente quanto è grande il mare? Di più!”

“Avete presente quanto è grande l’oceano? Di più!”

“Avete presente quanto è grande la Terra? Di più!”

“Avete presente quanto è grande l’Universo? Di più!”

“Ecco l’infinito è ancora milioni di volte più grande…eppure non basta…io vi amo ancora di più!”

Che bel sorriso avevano sul volto!

 

Essere ascoltati.

I nostri figli, come noi d’altronde, hanno un estremo bisogno di essere ascoltati.

Il tipo di ascolto che dobbiamo utilizzare è l’ascolto ATTIVO. Se impariamo e ci sforziamo di utilizzare questo sistema comunicativo e diventiamo dei bravi ascoltatori, nostro figlio capirà che stiamo realmente prestando attenzione a lui e a quello che sta dicendo e di conseguenza si sentirà capito, rispettato, considerato, degno di essere ascoltato e AMATO.

Che qualità essenziali dobbiamo allenare per diventare dei bravi ascoltatori con i nostri figli?

  • Essere presente con il cuore e con la mente
  • Non giudicare e non criticare
  • Essere empatici e dare dei feedback emotivi (“capisco come ti stai sentendo”, ecc)
  • Non interrompere e non imporre le soluzioni

 

Proviamo a pensare come ci comportiamo quando i nostri figli ci parlano.

Li ascoltiamo attentamente, oppure li “sentiamo” (con il classico metodo “entra da un orecchio e esce dall’altro”) continuando a fare quello che stavamo facendo?

 

Trascorrere del tempo esclusivo e di qualità con noi.

Inutile dire che i nostri bimbi vorrebbero stare sempre con noi, persino a lavoro se potessero.

Quando siamo con loro quindi facciamo in modo che la nostra presenza sia attiva, vera, partecipe.

L’esserci fisicamente è molto diverso dall’essere presenti.

Condividi con loro i tuoi progetti, i tuoi sogni, rendili partecipi della tua vita. Chiedi la loro opinione. Coinvolgili nelle attività quotidiane.

Trascorri del tempo con ciascun figlio individualmente, facendo scegliere loro l’attività da fare, e fai domande sui loro interessi.

 

Giocare con loro

Per i bambini il gioco è davvero tutto. Lo fanno con impegno e con totale partecipazione emotiva e cognitiva. Adorano condividere con la mamma e il papà questi momenti, sentirsi seguiti e vederci interessati alle loro passioni.

Giocare con loro in maniera libera e partecipata è uno dei più preziosi regali che possiamo fare loro.

 

Essere presenti ai loro eventi importanti.

Partecipa ai momenti importanti della vita dei tuoi bambini.

La prima recita alla scuola materna avviene una volta sola. Perderla è un peccato per te, ma ancor di più per tuo figlio, che in quel giorno non aveva tra il pubblico la persona per lui più importante.

Ricordi ancora l’emozione di quando eri bimbo prima di iniziare la recita e pensare che tra poco la tua mamma e il tuo papà ti avrebbero visto? L’orgoglio ti riempiva il cuore. Recitavi esclusivamente per loro.

I bambini crescono velocemente e saranno grandi prima che tu te ne accorga. Dai il giusto peso a questi eventi.

Ci sono altri modi per dimostrare il nostro amore? Sicuramente! Lasciamo spazio alla fantasia e lasciamo fluire il cuore…ci verranno delle idee per esprimere al meglio tutto l’amore per nostro figlio! Non dimentichiamoci di sorprenderli…anche solo un bigliettino lasciato nel suo diario che vedrà solo quando lo aprirà a scuola…lo lascerà piacevolmente colpito!

Piccoli gesti possono fare una grande differenza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *